Il modo migliore per vivere il Matese, scoprire i suoi paesaggi, apprezzarne i silenzi e i profumi, comprenderne la vera essenza e osservarne la flora e la fauna, consiste senza dubbio nel percorrere a piedi l'intricata rete di sentieri e mulattiere che consentono di raggiungere quasi ogni angolo del territorio. Ricordiamo sempre che il valore di un escursionista non si misura dalla velocità con cui riesce a percorrere un sentiero ma dalla sua capacità di non lasciare tracce, dal fare in modo che chi percorrerà quel sentiero dopo di lui non si accorga del suo passaggio: è di fondamentale importanza rispettare i sentieri evitando di spostare sassi e manomettere la segnaletica ove presente, non abbandonare rifiuti lungo il percorso, rispettare il luogo che stiamo visitando evitando di raccogliere fiori e piante e di disturbare gli animali con rumori molesti. Agiamo sempre con prudenza: prima di partire per qualsivoglia escursione è buona norma informarsi sulle condizioni meteo e munirsi del giusto equipaggiamento tenendo presente che in montagna il tempo a volte può mutare molto rapidamente. Scegliamo sempre itinerari alla nostra portata in termini di difficoltà ed impegno richiesto. A tal fine può essere utile consultare la tabella in basso che definisce i gradi di difficoltà di un percorso utilizzati in Italia e che useremo per classificare e descrivere di volta in volta le escursioni effettuate.

Gradi di difficoltà dell’escursionismo

 

T =TuristicoItinerario che si svolge su stradine, mulattiere o larghi sentieri. I percorsi generalmente coprono brevi distanze con dislivelli che di norma non superano i 500 m, non richiedono particolari doti di orientamento nè un allenamento specifico se non quello tipico della passeggiata.

 

E =Escursionisti Itinerari su terreni di vario genere (pascoli,boschi,pietraie...) o su tracce di passaggio evidenti. Sono generalmente segnalati con vernice od ometti (pietre impilate che permettono di individuare il percorso).Possono presentare brevi tratti esposti con protezione.Richiedono un certo grado di allenamento alla camminata anche per qualche ora e per superare dislivelli generalmente compresi tra i 500 e i 1000 m.Necessitano di calzature ed equipaggiamento adeguato e di una sufficiente capacità di orientamento.

 

EE =Escursionisti Esperti intinerari generalmente segnalati ma che possono presentare qualche difficoltà: il terreno può essere costituito da pendii scivolosi di erba, misti di rocce ed erba, pietraie, lievi pendii innevati o anche singoli passaggi rocciosi di facile arrampicata (uso delle mani in alcuni punti). Richiedono una discreta conoscenza dall’ambiente montano, passo sicuro ed assenza di vertigini. La preparazione fisica deve essere adeguata ad una giornata di cammino abbastanza continuo.

 

EEA =Escursionisti Esperti con AttrezzaturaVengono indicati i percorsi attrezzati (o vie ferrate), richiedono l’uso dei dispositivi di autoassicurazione.

" Scalate la montagna non per piantarci la vostra bandiera ma per vincere la sfida, respirare l'aria pura e godervi il panorama.

Scalatela per vedere il mondo, non per farvi vedere dal mondo."

 

-David McCullough Jr.

MateseNostrum

  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon
Sito gemellato con Associazione Micologica del Matese
Clicca sul logo per accedere al sito
 
 

Instagram

 

Briofite del Matese

Flora del Matese