Storia geologica dell’area nei pressi del geosito di Pesco Rosito nel Parco Regionale del Matese.

Il geosito di Pesco Rosito è situato nel settore Orientale del massiccio del Matese, alle pendici orientali del M. Palombaro. Questo luogo che ricade nel comune di Pietraroja (BN) prende il nome dal blocco calcareo di cui è composto (Pesco) mentre la seconda parte del toponim...

I terremoti sono generati da movimenti rapidi e improvvisi delle faglie, fratture della roccia che nel lungo tempo creano, attraverso lo spostamento delle masse rocciose, le montagne. La dorsale appenninica è interessata da diverse faglie, molte delle quali sismologicamente attive. Le faglie generano quindi terremoti che possono essere di lieve, moderata o forte entità (...

Il lago Matese, cuore del Parco Regionale, conferisce al Matese  un aspetto che lo caratterizza  e differenzia notevolmente dagli altri gruppi montuosi dell’Appennino.

Con i suoi 1.007 m sul livello del mare si è guadagnato il titolo di lago carsico più alto d’Italia.

L’origine di questa zona endoreica (cioè una zona in cui i corsi d’acqua superficiali non sfociano di...

[La spettacolare cascata della Valle del Torano]

 

La valle del Torano ha avuto origine da antichissimi movimenti tettonici, ed insieme alla valle Orsara ed alla valle dell’Inferno, raggiunge una lunghezza complessiva di 15 Km; è inserita nel contesto geologico dell’unità stratigrafico-strutturale Matese-Monte Maggiore (D’Argenio et alii, 1973);  Si tratta di una successio...

Molluschi Gasteropodi

Alla classe dei Molluschi Gasteropodi (termine che significa organismi dotati di piede situato a livello gastro-ventrale) appartengono più di 100.000 specie (cioè la stragrande maggioranza dei Molluschi che in totale sono circa 130.000), distribuite soprattutto in mare e in terra ferma e, in minor misura, anche negli ambienti di acqua dolce. Per quan...

 

Percorrendo i sentieri delle nostre montagne sarà capitato di notare nella roccia stratificata e nei ciottoli lungo i tracciati, delle “conchiglie pietrificate” più o meno simili a quelle che oggi possiamo facilmente vedere in qualunque spiaggia o sul fondo marino.

 

Ma cosa sono queste conchiglie e perché le ritroviamo proprio in montagna?

Si tratta princip...

 [La Valle del Fondacone]

I processi glaciali che hanno interessato il Massiccio del Matese durante il Quaternario (da 2,5 milioni - fino ad oggi)  hanno lasciato tracce evidenti nel settore settentrionale di tale area. Le migliori strutture preservate sono rappresentate dai circhi glaciali.

Ma cosa sono i circhi glaciali?

Si tratta di depressioni semicircolari o semi-ellit...

Chi ha visitato almeno una volta i monti del Matese avrà scattato sicuramente una foto sulle sponde del lago. Altri avranno campeggiato in uno dei tanti pianori come Campo Braca, magari i più attenti avranno notato la presenza di inghiottitoi oppure si saranno interrogati sul perché dell’esistenza di quell’isolotto stagionale nel lago oppure perché troviamo quelle conche...

22/02/2015

di Valerio Ferrazza

 

Il Matese è un imponente massiccio carbonatico a cavallo tra il Molise e la Campania. Posto lungo un asse di direzione N/W  S/E, ha un’estensione di circa 1000 Km² tra le province di Campobasso e Isernia nel Molise, Caserta e Benevento nella Campania. Cima più alta del gruppo montuoso, in territorio molisano, è il M. Miletto (2050 m s.l.m) seguito, in...

Please reload

In primo piano...

Flora del Matese: Soldanella alpina L.

June 3, 2020

1/10
Please reload

Articoli recenti
Please reload

Archivio
Please reload