Italohippus albicornis è tra le specie più preziose dell'entomofauna del Matese, si rinviene infatti esclusivamente in una limitata area delle nostre montagne. La specie fu raccolta sul Colle del Monaco e descritta da La Greca nel 1948 come Chorthippus albicornis. Successivamente alcune caratteristiche morfologiche, tra queste le antenne leggermente clavate, la presenza...

I sesidi (Sesiidae) sono una famiglia di falene specializzate nell'imitare altri insetti imenotteri armati di pungiglione. L'evoluzione ha portato queste innocue e inermi falene ad assumere l'aspetto e talvolta anche il comportamento di vespe e calabroni: si tratta del cosidetto mimetismo batesiano che si verifica quando una specie animale innocua sfrutta la sua somiglia...

Dal 2015 ad oggi le nostre ricerche sul campo hanno portato alla individuazione di ben 18 specie di lepidotteri, tra farfalle e falene, che non risultavano ancora segnalate per i monti del Matese. In molti casi si tratta di specie piuttosto comuni e il fatto che non fossero mai state censite in precedenza è imputabile unicamente al difetto di ricerca: l'entomofauna del M...

L'Azzurrina di Mercurio (Coenagrion mercuriale Charpentier, 1840) è una delle specie di libellule più minacciate del nostro paese. Il nome fa riferimento al caratteristico disegno presente sul secondo segmento addominale dei maschi che ricorda l'elmo di Mercurio. La specie risulta segnalata in Piemonte ed in quasi tutte le regioni dell'Italia centro-meridionale (manca in...

Insieme alle primule sono l’emblema della primavera, qualcuna compare già in febbraio ma è soprattutto nei mesi di marzo e aprile che danno il meglio di sé creando macchie di colore nei prati o ai bordi delle siepi e riempiendo l’aria con il loro inconfondibile profumo. Sono le Viola, piccole piante che con i loro fiori annunciano la fine dell’inverno. Non è un caso che...

Tra i serpenti italiani la Natrice tassellata (Natrix tessellata Laurenti, 1768) è quello maggiormente acquatico: ottima nuotatrice è in grado di rimanere sott'acqua per diverse ore e a differenza della biscia dal collare non si allontana mai molto dagli ambienti acquatici. Si tratta di un colubride di medie dimensioni lungo in media 50-80 cm ma che eccezionalmente può r...

E' stato inaugurato il 18 agosto scorso nel comune di Guardia Sanframondi (BN) il nuovo museo delle farfalle, uno spazio espositivo appositamente realizzato dall'Amministrazione Comunale per ospitare la prestigiosa collezione di lepidotteri "Pascasio Parente", pregevole raccolta di elevato valore scientifico.

L'autore

Pascasio Parente (1897-1979) nacque a Guardia Sanframon...

Anche quest'anno siamo lieti di mostrarvi le immagini di uno dei fiori all'occhiello dell'entomofauna del Matese: la Rosalia alpina. L'unico sito riproduttivo attualmente noto, per il terzo anno consecutivo, non ha tradito le aspettative consentendoci nei giorni scorsi di osservare due esemplari tra i quali una femmina in deposizione. Ricordiamo che questa bellissima spe...

La rana appenninica (Rana italica Dubois, 1987) è una specie endemica della nostra penisola: vive esclusivamente lungo la dorsale appenninica dalla Liguria alla Calabria, risulta invece assente nelle isole. Appartiene al gruppo delle cosiddette rane rosse, gruppo che conta diverse specie in Italia, tutte di aspetto piuttosto simile e accomunate dalla colorazione dorsale...

L'ululone appenninico (Bombina pachypus Bonaparte, 1838) è senza dubbio la specie più minacciata tra gli anfibi del Matese. Attualmente, in assenza di studi specifici, sappiamo ancora pochissimo della sulla sua reale distribuzione sul versante campano del massiccio: fino allo scorso anno la sua presenza ci era nota per una sola località. Per preservare gli animali abbiam...

Please reload

In primo piano...

Italohippus albicornis (La Greca, 1948), specie endemica del Matese.

November 14, 2019

1/10
Please reload

Articoli recenti

April 30, 2019

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per Tags