Il Fringuello alpino torna a nidificare sul Matese

Ancora un'interessante scoperta del team Matesenostrum: il 26 giugno scorso abbiamo avuto il piacere di osservare diversi individui di Fringuello alpino (Montifringilla nivalis nivalis Linnaeus, 1766). M. nivalis è una specie stanziale tipica degli ambienti di alta montagna presente nel nostro paese con due popolazioni ben separate, una diffusa lungo l'arco alpino l'altra limitata alle cime più elevate di Marche e Abruzzo fino alla Majella. La nidificazione di questa specie sul massiccio del Matese era stata osservata occasionalmente nei primi anni '90 e da allora non era più stata confermata. In futuro saranno necessarie ulteriori osservazioni ma il comportamento degli individui osservati

Il Piviere tortolino, ospite illustre delle nostre montagne.

A chi frequenta le vette delle nostre montagne viene talvolta spontaneo domandarsi, allungando lo sguardo sulle vallate sottostanti, quale fosse l'aspetto del Matese prima che l'uomo per soddisfare le proprie esigenze cominciasse a modificarlo. Ai giorni nostri i segni dell'attività umana sono presenti un po' ovunque, eppure esistono animali che non hanno mai mutato le loro abitudini e da millenni, obbedendo al loro orologio interno, frequentano questa parte dell'Appennino con cadenza regolare nonostante l'uomo, talvolta all'insaputa dei più. E' il caso del Piviere tortolino (Charadrius morinellus Linnaeus, 1758), uccello tipico della tundra artica che utilizza il Matese ed altre vette dell'

Cynoglossum magellense: una nuova specie per il Matese ed il Molise.

Continua lo studio della flora del Matese da parte di MateseNostrum e la ricchezza floristica delle nostre montagne continua a riservarci sorprese di estremo interesse. E' di questi giorni (2 giugno 2016) la scoperta di una nuova entità vegetale mai segnalata prima per il Matese e novità assoluta anche per la flora del Molise: Cynoglossum magellense Ten., un rappresentante della famiglia Boraginaceae. La "lingua di cane della Majella" è una specie endemica che vive esclusivamente su alcune cime dell'Appennino centrale e meridionale, dalle Marche alla Calabria, dove può spingersi fino ai 2.700 m di quota (raramente si rinviene al di sotto dei 1000 m). La nuova stazione è stata da noi individ

In primo piano...
Articoli recenti
Archivio
Cerca per Tags
  • Facebook Basic Square
Seguici su

MateseNostrum

Sito gemellato con Associazione Micologica del Matese
Clicca sul logo per accedere al sito
 
 
  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon

Instagram

 

Briofite del Matese

Flora del Matese

Licheni del Matese