La valle del Torano

[La spettacolare cascata della Valle del Torano] La valle del Torano ha avuto origine da antichissimi movimenti tettonici, ed insieme alla valle Orsara ed alla valle dell’Inferno, raggiunge una lunghezza complessiva di 15 Km; è inserita nel contesto geologico dell’unità stratigrafico-strutturale Matese-Monte Maggiore (D’Argenio et alii, 1973); Si tratta di una successione carbonatica mesozoica di dominio neritico con composizione prevalentemente calcarea e calcareo-dolomitica sulla quale si sovrappongono in discordanza angolare delle trasgressioni mioceniche in prevalente facies di flysch. [Stralcio del foglio 161 “Isernia” della Carta Geologica d’Italia 1:100000 (ISPRA)] Nella valle del To

Le stagioni delle orchidee

[Orchis pallens] Nell'immaginario collettivo al termine "orchidea" è associata spesso l'immagine di fiori eleganti provenienti da paesi lontani, con forme appariscenti e colori sgargianti. Questa descrizione in effetti ben si addice a gran parte delle specie esotiche che ai giorni nostri sono tra le piante ornamentali più diffuse in coltivazione. Queste bellezze esotiche però cominciarono a giungere in Europa solo due secoli fa: nell'ottocento il loro successo fu tale da scatenare una vera e propria mania tra gli aristocratici del tempo che finanziavano spedizioni nelle foreste di ogni parte del globo per scovare nuove specie. Le poche piante che arrivavano nel vecchio continente, riuscendo

Chi ha paura del lupo cattivo?

L’incontro con il lupo è senza dubbio una delle esperienze più entusiasmanti che il Matese possa offrire, tuttavia si tratta di un evento riservato a pochissimi fortunati: nonostante la pessima quanto ingiustificata fama di cui gode, il più grande predatore delle nostre montagne è un animale estremamente schivo e timoroso dell’uomo e questo rende il contatto visivo diretto estremamente raro ed ancor più raro è riuscire a fotografare questo magnifico quanto elusivo animale. Spesso si riesce a dare un volto a questo fantasma solo attraverso il ritrovamento di animali vittime dei non rari episodi di bracconaggio che continuano a manifestarsi ad intervalli quasi regolari, episodi che dimostrano

I principali fossili del Matese (parte II)

Molluschi Gasteropodi Alla classe dei Molluschi Gasteropodi (termine che significa organismi dotati di piede situato a livello gastro-ventrale) appartengono più di 100.000 specie (cioè la stragrande maggioranza dei Molluschi che in totale sono circa 130.000), distribuite soprattutto in mare e in terra ferma e, in minor misura, anche negli ambienti di acqua dolce. Per quanto riguarda le specie marine, i Gasteropodi sono animali prevalentemente bentonici (non mancano però specie natanti sia costiere che pelagiche) e sono schematicamente riconducibili, in base al loro aspetto esterno, a due tipologie fondamentali (tra cui esistono ovviamente numerose fasi intermedie di passaggio o di transizion

In primo piano...
Articoli recenti
Archivio
Cerca per Tags
  • Facebook Basic Square
Seguici su

MateseNostrum

Sito gemellato con Associazione Micologica del Matese
Clicca sul logo per accedere al sito
 
 
  • Wix Facebook page
  • Instagram Social Icon

Instagram

 

Briofite del Matese

Flora del Matese

Licheni del Matese